L’olio extravergine di oliva, come tutti i prodotti ha determinate caratteristiche, pregi e difetti. Vediamo qui di seguito quali sono.

I pregi dell’olio Bonazza

Il nostro olio risulta fruttato, caratteristica dovuta al fatto che esso è ottenuto da frutti sani e freschi, verdi o maturi percepite per via diretta o retronasale. Si distingue in “verde” quando le sensazioni olfattive ricordano quelli dei frutti verdi e maturo quando ricordano i frutti maturi. È inoltre amaro, sapore caratteristico dell’olio di olive verdi ed è piccante, sensazione pungente caratteristica di oli prodotti all’inizio della campagna, principalmente da olive ancora verdi, che può essere percepita in tutta la cavità orale, in particolare in gola.

I difetti dell’olio

In natura esistono moltissime varietà di olivo (cultivar) da cui si ottengono oli con caratteristiche sensoriali anche molto diverse. I difetti, se così di possono definire, sono caratteristiche come l’aroma ottenuto da olive ammassate, oppure l’aroma caratteristico dell’olio ottenuto da frutti umidi. C’è da ricordare però che gli oli extra vergini d’oliva possono avere sapori anche molto diversi tra loro.

I nemici dell’olio extra vergine

L’esposizione prolungata alla luce diretta così come il contatto con l’aria, causa l’ossidazione del prodotto che provoca un cambiamento di colore e un odore rancido, come è risaputo, l’olio va conservato ad una temperatura non superiore ai 22°C. Infine, è necessario consumare l’olio fresco, a differenza del vino, quindi è bene acquistare oli con l’etichetta accompagnata dall’annata di produzione.

Importante è non effettuare il rabbocco con superficialità: se si riempie un’oliera contenente ancora un filo d’olio vecchio e/o rancido con un olio nuovo di buona qualità, in breve l’olio contenuto nell’oliera diventerà anch’esso rancido. Si raccomanda quindi di svuotarla integralmente, lavarla e asciugarla con cura prima di riempirla nuovamente.

Scopri sapori dell’olio Bonazza, vi aspettiamo in azienda!